Sottiletto

Giulio Iacchetti

L’idea del letto a baldacchino nella contemporaneità: assoluta, rigorosa, astratta, precisa. Come una linea che si muove nello spazio e segna i contorni del luogo dove fermarsi a riposare.

Un letto caratterizzato da archi con profili puliti e morbidi, avvolgenti e accoglienti anche alla vista. 

Giulio Iacchetti

Con base a Milano, si occupa di industrial design dal 1992. Tra le diverse aziende con cui collabora: Alessi, Artemide, Foscarini, IFI, Magis, Meritalia, Moleskine, Nava, Montini, United Pets. È direttore artistico di diversi brand, tra cui Abet Laminati e Dnd. Nel maggio 2009 la Triennale di Milano ha ospitato una sua mostra personale intitolata “Giulio Iacchetti. Oggetti disobbedienti”. È stato premiato con due premi ADI Compasso d’Oro (2001 e 2014) e ha ricevuto diversi riconoscimenti internazionali.

Il ferro si modella con grazia e si tinge di toni del blu, del verde e del giallo che vengono ripresi da una comoda testiera imbottita e rivestita, la cui sagoma fa da eco alla struttura del baldacchino.

Leggero ed essenziale, poetico e sincero. Un letto che desidera far sognare: il posto ideale dove dormire e perdersi in piacevoli dimensioni oniriche.

La struttura di Sottiletto è realizzata con un profilo di ferro quadrato pieno di 25×25 millimetri, battuto a mano e poi verniciato con un doppio ciclo per una finitura di alta qualità e resistenza.

Back To Top